logo

Glossario

Nella creazione di un sito web intervengono diverse figure (professionali, o meno), diversi servizi e diversi strumenti di utilizzo. Vediamo di fare un po' di chiarezza, a riguardo, per la vostra sicurezza.

Hosting:

Il termine "hosting" deriva da "to host" che, in inglese, significa "ospitare". L'hosting è un servizio offerto da aziende specializzate (provider), le quali concedono, a determinate condizioni, uno spazio web su cui è possibile costruire un sito. Tale spazio web si trova su un "web server" che è una sorta di grosso computer. L'installazione e la manutenzione del sistema operativo e di tutte le sue funzionalità sono a carico degli sviluppatori del provider. L'utente potrà accedere al suo spazio tramite l'inserimento di un nome utente e di una password.
Lo spazio può essere fornito gratis, o a pagamento. Lo spazio acquistato a pagamento differisce da quello offerto gratuitamente per la quantità a disposizione e/o i servizi aggiuntivi, non per le caratteristiche di proprietà dello spazio stesso. Chi acquista uno spazio web, infatti, non diventa realmente proprietario di quello spazio, ma ne ha una "concessione" per un tempo limitato e rinnovabile, alla scadenza, dietro ulteriore pagamento.

Dominio:

Ogni sito web per essere pubblico e raggiungibile deve avere un suo indirizzo o URL (Uniform Resource Locator). Per avere un indirizzo, è necessario acquistare un nome a dominio.

Un nome a dominio è un indirizzo internet che serve a richiamare il sito web. I domini hanno vari livelli. Considerando un indirizzo come https://www.nomesito.com, il primo livello è rappresentato dall'ultima parte dell'indirizzo, dopo il punto e cioè "com". Il secondo livello è rappresentato da "nomesito". Il "www" (world wide web) è un suffisso convenzionale che si riferisce alla rete internet. "http" (Hyper Text Transfer Protocol) è un protocollo per la comunicazione in internet. Quando viene aggiunta la s "https" significa che tale comunicazione è criptata e, quindi, sicura.

Il dominio non è ancorato al sito web, ma può puntare a un qualunque sito web su qualsiasi server.

Il dominio deve essere intestato al legittimo proprietario.

Quando si acquista e registra un dominio, bisogna indicare due indirizzi di contatto: Questi indirizzi possono coincidere.

L'amministratore del dominio è la persona che ha i pieni poteri su di esso, per questo motivo non dovete delegare nessuno all'acquisto del dominio in vece vostra.
L'acquisto del dominio va sempre fatto personalmente.
Acquistando un dominio si acquista un nome univoco a livello mondiale. Chiunque acquistasse il dominio al posto vostro, potrebbe ottenerne anche il codice di autorizzazione.

Il codice di autorizzazione è un codice alfanumerico che serve ad autorizzare le operazioni di trasferimento. Può essere richiesto solo dall'amministratore e viene inviato solo alla casella email associata. Chiunque l'avesse, potrebbe disporre del dominio come meglio crede. Non acquistate mai pacchetti che comprendono il nome a dominio, perchè non avreste nessuna garanzia di proprietà su quel dominio.
Richiedere ed ottenere tale codice è molto semplice, basta seguire un percorso simile a questo: Gestione account -> Domini -> Authorization Code.

Sottodomini:

I sottodomini hanno indirizzi del tipo: sottodominio.dominio.com. Un sottodominio è una sezione di un dominio principale e si scrive senza il primo livello www.

I sottodomini possono ospitare siti web separati dal sito principale senza dover registrare altri nomi a dominio.

CMS:

Per la costruzione di siti web si possono utilizzare dei software chiamati CMS (Content Management System = Sistema di gestione dei contenuti). I piu` famosi sono: Wordpress, Joomla e Drupal. Il CMS viene installato sul server dell'hosting che ospita il sito. Con i CMS è possibile gestire il sito in maniera visuale e intuitiva, anche senza conoscenze informatiche e chiunque può creare il proprio sito web senza la necessità di rivolgersi ad uno sviluppatore. Per contro, i siti costruiti in questo modo utilizzano template già pronti e di serie, a scapito dell'originalità. I CMS, inoltre, sono software pesanti e questo incide sulla velocità di caricamento del sito stesso. C'è anche un pericolo da non sottovalutare, percheè è sufficiente un piccolo bug di un plugin per perdere irrimediabilmente e per sempre il proprio sito web.

Sviluppatore (web developer):

Lo sviluppatore di un sito web è colui che realizza il sito nella sua struttura e nelle sue funzionalità. È colui che lavora sul codice che compone sito web.

Webdesigner:

Il webdesigner è colui che progetta e crea il sito nella sua architettura e nel suo aspetto visivo, curandone il layout e la grafica.

Webmaster:

Il webmaster è la figura che può comprendere una, o entrambe le figure precedenti, ma è anche chi amministra e gestisce il sito web.

Proprietario/i:

Per proprietario del sito web si intende il suo titolare. La persona, quindi, a cui sono intestati sia lo spazio hosting, sia il nome a dominio ad esso collegato. Il titolare del sito web è colui che lo può gestire, ne possiede i contenuti e ne assume, di conseguenza, la piena responsabilità. Il titolare ha la facoltà di aggiungere e/o rimuovere i collaboratori, può decidere la pubblicazione del sito e può, in qualunque momento, trasferire, o cancellare, l'intero sito.

Modulo di contatto➚




autrice e amministratrice: Maria Silvana Radice